> Consigli utili > Il primo appuntamento > Primo incontro, l'atteggiamento giusto

Il primo appuntamento

L'atteggiamento giusto da adottare

Primi incontri, come fare? Primo: non scoraggiarsi. Secondo: un po' di leggerezza! Consigli da altri utenti, felicemente innamorati grazie a Parship

Incontri, ricerca del partner

La testimonianza di Marina, 44 anni, che in Parship ha trovato l'amore

Dare consigli non è mai semplice, ognuno di noi ha fatto i propri percorsi, ha avuto le proprie esperienze, le nostre età sono differenti, tutte queste variabili cambiano la prospettiva con la quale si prende la decisione di iscriversi ad un sito come questo.

Quello che mi sento di dire è di non accontentarsi né di scoraggiarsi troppo in fretta.

Facendo il test che precede l'iscrizione, facendolo con attenzione, si possono scoprire leggendone i risultati, alcuni aspetti della nostra personalità che forse non avevamo preso in sufficiente considerazione o che nemmeno sapevamo di possedere. Questo è il punto da cui partire, conoscendoci un poco di più, per inserire quelli che sono i criteri per scegliere il partner che vogliamo accanto a noi. Ci verranno proposti degli abbinamenti, assegnati punteggi di compatibilità, non spaventiamoci né fossilizziamoci su quei numeri, un punteggio molto alto può significare una grande affinità, ma non è detto che uno un po' più basso significhi necessariamente incompatibilità, meditiamo sul fatto che si può rispondere al test con maggiore o minore attenzione!

Nella vita reale la scoperta dell'altro avviene con tempi molto più lunghi. Conosciamo prima l'involucro esterno e poi quello interno di chi ci sta di fronte. Qui abbiamo la possibilità di fare esattamente l'opposto. Possiamo, scrivendoci prima e usando il telefono poi, arrivare a capire velocemente il profondo di chi sta dall'altra parte. Tutto questo a patto di essere sinceri, di cercare di essere il più possibile quello che siamo veramente, non è facile ma è il solo mezzo per non essere delusi. Ognuno di noi ha i propri gusti, ha paletti oltre i quali non vuole andare, ha esigenze dalle quali non vuole o non può prescindere, tutto questo va detto a chi stiamo conoscendo e proprio questo intendevo con le parole: "non accontentarsi". E' inutile fingere che certe cose che non ci piacciono poi ce le faremo piacere, che certi compromessi poi li sapremo accettare, che le cose che hanno contato per noi fino a ieri potranno magicamente perdere di valore. Non credo sia questa la strada per trovare davvero chi ci corrisponde, nella virtualità di un sito come avviene anche nella vita reale.

Dopo aver scritto, telefonato e pensato, finalmente faremo degli incontri e chi viveva solo nella nostra immaginazione si materializzerà davanti a noi. E arrivo al secondo consiglio: "non scoraggiarsi". Davanti ad un caffè parleremo, ci guarderemo e magari non ci piaceremo... non sarà la fine del mondo! L'importante è mantenere il rispetto per chi è seduto davanti a noi, con tatto e gentilezza tutto si può dire, non si può piacere a tutti e la delusione non deve essere il nostro sentimento predominante. Accantoneremo questa esperienza che sarà stata comunque uno scambio reciproco, utile per entrambi e conosceremo altre persone.

Cerchiamo di mettere un po' di leggerezza dentro di noi, non stiamo andando a fare un esame, né esamineremo nessuno, viviamo queste situazioni per quello che sono, con un po' di distacco. Non carichiamo di aspettative troppo grandi né noi stessi né l'altro. Cerchiamo di capire quello che vogliamo e quello che possiamo dare, usiamo un po' di prudenza, condiamo il tutto con un po' di allegria e senso dell'umorismo, siamo sinceri e disponibili e sicuramente incontreremo chi stiamo cercando.


Marina

 

Prova Parship gratis

Io sono
Sto cercando

Si applicano le CGI e l’informativa sulla protezione dei dati personali. L’abbonamento gratuito prevede l’invio periodico di e-mail contenenti offerte relative all’abbonamento a pagamento e ad altri prodotti offerti da PE Digital GmbH (è possibile recedere in qualsiasi momento).

Error with static Resources (Error: 418)